Verso un’eziopatogenesi del “male oscuro”: le depressioni

Confrontarsi serenamente con il cosiddetto “male oscuro” indagandone in profondità i suoi aspetti polimorfici di ordine psicologico e relazionale, affrontare con la necessaria franchezza il problema umano della “depressione” non è ancor oggi un compito facile, comportando non di rado una serie di difficoltà  anche di carattere interpersonale che solo lo specialista psichiatra esperto e preparato può riuscire a risolvere.

Non è un caso che la estrema delicatezza dell’argomento, associata alle prevedibili immagini  di cedimento delle capacità vitali e di acuta tristezza, ponga spesso a disagio la personalità del paziente e la cerchia della sua famiglia che tenta di sostenerlo. Soprattutto quando la malattia si presenta per la prima volta in forma severa e con l’ambiguità subdola tipica dei suoi sintomi apparentemente indecifrabili. Infatti da parte dei parenti incerti e basiti si cerca sulle prime di sdrammatizzare e comprendere facendo appello a formule ingenue di comune buon senso del tipo: “Tirati su!, reagisci!, ma che ti manca?, dai che cela farai!”. Esorcizzando così, al cospetto del disagio psichico, ansie e paure di fondo che ciascun essere umano porta quotidianamente con sé, rinserrate nella parte più buia ed inattingibile della propria coscienza.

Quando il paziente poi è costretto ad esternare la propria condizione di prostrazione al medico di base, quest’ultimo non sempre riesce a formulare in prima istanza un’adeguata diagnosi precoce, autorizzando accertamenti di natura organica, il più delle volte senza esito significativo. Mentre la malattia accelera intanto il suo corso micidiale, corrodendo la già provata psiche del soggetto, in balia del dubbio di non riuscire a sconfiggere il disturbo che lo tormenta, ancora privo di un’accertata identità clinica. Almeno sino a quando non si rivolge allo specialista psichiatra che, a seguito di approfondito colloquio con il paziente, diagnostica la “depressione” in atto ed imposta al più presto la relativa terapia adottandola alle esigenze del caso.

Va qui sottolineato che “il buco nero dell’anima” coi tempi che corrono può colpire chiunque, dal ‘barbone’ all’angolo di strada al ‘manager’ della grande industria. Tra le svariate forme assunte da tale sindrome ci limitiamo in questa sintetica introduzione a citare solo quella “reattiva”, molto diffusa, innescata il più delle volte da eventi stressanti e situazioni scatenanti vissute dalla personalità individuale con particolare intensità emozionale. Eccone alcuni esempi: grave lutto, perdita del lavoro, ritmi di vita insostenibili, diagnosi mediche infauste, divorzio, declino psicofisico e sessuale, solitudine esistenziale e per l’anziano il naturale timore della morte.

Tanti infine i personaggi vittime di questo male che hanno dichiarato con coraggio il loro ”outing”: V.Gassmann, S.Mondaini, E.Presley, I.Montanelli, Milva, A.Delon, C.Verdone, V.Pivetti e potremmo continuare a lungo. Molti di più in verità quelli che se lo sono sopportato in silenzio senza dire nulla quasi a nessuno… Per saperne di più sull’argomento in tempi di acuta incertezza globale abbiamo intervistato la Dott. Maristella Buonsante, che ha già scritto sulla nostra rivista nella sua triplice veste, non proprio frequente, di psicologa, psichiatra e psicoterapeuta.

Entriamo subito in argomento chiedendole prima di tutto una definizione chiara e comprensibile del cosiddetto “male oscuro”.

“La depressione è una patologia dell’umore caratterizzata da un insieme di sintomi cognitivi, comportamentali, somatici ed affettivi che, nel loro insieme sono in grado di diminuire in maniera da lieve a grave il tono dell’umore, compromettendo il funzionamento di una persona nonché le sue abilità ad adattarsi alla vita sociale.

La depressione non è quindi, come spesso ritenuto, un semplice abbassamento dell’umore, ma un insieme di sintomi più o meno complessi che alterano anche in maniera consistente il modo in cui una persona ragiona, pensa e raffigura se stessa, gli altri e il mondo esterno. Talvolta è associato ad ideazioni di tipo suicida o autolesionista e quasi sempre si accompagna a deficit dell’attenzione e della concentrazione, insonnia, disturbi alimentari, estrema ed immotivata prostrazione fisica”.

Questo è quanto vien fuori da internet. Ho chiesto alle mie brave allieve Beatrice,  Marzia e Martina di cercare su Internet qualche buona definizione. È infatti doveroso per tutti noi confrontarsi con ciò che scrive la Rete perché quelli capaci di navigare sul web innanzitutto chiedono al Computer, al Medico Virtuale (ma anche nei vari campi professionali, avvocato virtuale , et cet.) Cosa poi venga davvero capito lo sa solo Dio…. Non sono troppo ottimista, perché mi scontro tutti i giorni con le difficoltà di comunicazione che davvero sono alla base di gran parte dei nostri problemi.  Comunque, curo persone depresse da 33 anni, Qualcosa ne so.

Quello che la gente mi ha descritto è, in metafora, come stare dentro un pozzo o avere imboccato un tunnel che non finisce mai. O trovarsi davanti una montagna dalle pareti lisce. È come, nelle fiabe di bambino, lo sgomento di Pollicino abbandonato nel grande bosco tetro, o le infinite lacrime della  filastrocca dell’innamorata che canta…”sette paia di scarpe ho consumato….ma tu dormi e non ti vuoi svegliare.”

È il tedium vitae. È la mancanza di energia, è perdere il gusto della vita, è lasciarsi andare alla deriva temendo e aspettando la liberazione della morte, senza farcela più a sopportare, a lavorare, ad amare, a perdonare…in infinite gradazioni, dove prevalgono le une o le altre sfumature, di un sintomo o l’altro. Vi sono persone il cui sintomo più appariscente è il non desiderare di  lavarsi; chi  dorme troppo; chi invece aspetta l’alba insonne pensando “ oddio, un altro giorno”. Proteo è multiforme…

Dunque, in sintesi, le depressioni sono un Disturbo del tono dell’umore, caratterizzato da varia sintomatologia, secondo la genesi, il decorso, la prognosi e molto altro ancora…

Quali sono le caratteristiche distintive delle sue forme: lievi, moderate e severe.

Vi sono, dunque, vari tipi di depressione. Tutte le semplificazioni sono… semplificazioni, quindi fonte di gravi errori. Ribadito che solo lo specialista psichiatra può porre diagnosi e scoraggiando al massimo l’autodiagnosi e l’intervento a farmaci antidepressivi senza il parere di un bravo specialista – diciamo che vi sono depressioni maggiori e minori.

Nelle forme gravi –che arrivano sino al delirio di negazione, in cui  viene negata l’esistenza stessa (qualcosa di molto simile all’Inferno!) – vi è una compromissione significativa del funzionamento sociale, in primis lavorativa (per la casalinga può significare che non riesce più a pulire la propria casa) o di altre aree importanti.

Fra i principali sintomi si segnalano, oltre all’umore depresso per la maggior parte della giornata, marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte, o quasi tutte, le attività quotidiane (anedonia), l’affaticabilità e mancanza di energia, la diminuzione della capacità di pensare o concentrarsi e la difficoltà a prendere decisioni  – ciò che chiamiamo mancanza d’iniziativa e non portare a termine niente – l’apparire troppo agitati o rallentati. Ma anche sintomi fisici, quali significativa perdita di peso o di aumento del peso in assenza di una dieta equilibrata, oppure diminuzione o aumento dell’appetito quasi tutti i giorni e disturbo del sonno (insonnia o ipersonnia).

Grande importanza diagnostica hanno i sentimenti di autosvalutazione o sentimenti eccessivi e inappropriati di colpa, che sono la causa principale, con l’anedonìa, dei possibili ricorrenti pensieri di morte. È il suicidio il principale problema, infatti, nella depressione grave, quella maggiore.

La forma più lieve o moderata della depressione (distimia o disturbo distimico), è un disturbo cronico caratterizzato dalla presenza di umore depresso che persiste per la maggior parte del giorno. Secondo il DSM-IV le più caratteristiche manifestazioni del disturbo sono:

– sentimenti di inadeguatezza, colpa, irritabilità e rabbia

– ritiro sociale

– perdita d’interesse, inattività e mancanza di produttività .

Insomma, vi sono depressioni di tutti i tipi. Tutte meritevoli di diagnosi e trattamento? Bah, non credo. Vi è, in questa strana società post moderna, come sempre, una mancanza di misura. O allo specialista si ricorre troppo, o troppo poco.

Io, che sono un’ottimista, penso che è perché siamo a mezza strada tra una società più colta e consapevole e una solo in apparenza alfabetizzata. Voglio dire, una cultura ancora “di massa”,  di cartapesta, priva –ancora! – di spessore culturale autentico e di valori.

In alcuni casi è riscontrabile anche una componente familiare ed ereditaria?

Probabilmente sì. Gli studi sui gemelli hanno dimostrato una certa ereditabilità dei disturbi depressivi e il tasso di ereditabilità dei sintomi depressivi si attesta, secondo alcuni, addirittura intorno al 76%. L’ereditabilità è comunque meno probabile per le forme di depressione lieve, mentre sembra incidere più fortemente nelle depressioni con esordio precoce.

Il 70% dei bambini depressi hanno, infatti, almeno un genitore che presenta un disturbo dell’umore. Questa elevata incidenza può essere in parte dovuta anche al fatto che il genitore depresso instaura una relazione non favorevole col proprio figlio, già geneticamente vulnerabile, aumentandone la probabilità di sviluppare il disturbo. Insomma la relazione tra genesi di tipo ambientale o genetico-biologico è tortuosa, non è lineare.  Ciò che la gente non capisce, in genere, di questa disputa tra studiosi del comportamento umano è che ciò che si eredita non è detto sia “la depressione”, ma un qualche fattore, persino, anche positivo, che, connesso ad altri, dà maggiore facilità a “scivolare” in depressione. È come un gioco fatale ad incastro, quello tra ambiente e genetica, che intuiamo ma non riusciamo a focalizzare con precisione.

Ne soffrono più gli uomini o le donne?

La depressione è la prima causa del carico di malattie per le donne fra i 15 e i 44 anni sia in paesi sviluppati che in via di sviluppo, mentre è la terza causa per gli uomini della stessa fascia d’età. Anche qui, corre l’obbligo di una riflessione: è perché le donne sono ancora (non sempre), fascia debole, più esposta a un mobbing familiare e lavorativo, ovvero la loro ben nota “sensibilità” connessa all’istinto materno (cioè al dato biologico della prolattina!) le rende più esposte al “mal di cuore” psichico? Non dimentichiamo che al “mal di cuore” fisico sono più esposti gli uomini che vivono il dolore sul corpo, maggiormente.

Concludo ricordando che sulla depressione sono state scritti trattati, poesie, rappresentate tragedie, commedie, film e l’arte ha regalato immagini più eloquenti di molte parole. Queste riflessioni dunque vogliono solo essere un piccolo “assaggio”  per il lettore per spingerlo ad approfondire l’intreccio dei fattori, in una lettura multilivello del disagio psichico, che a volte riveste la forma delle depressioni.

Nicola Mazzucca

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: