“Vedo gli asini volar nel Ciel”: la psicoterapia con animali

Da qualche anno utilizzo il logo dell’asino con le ali per aiutare la Battaglia della Psichiatria. È stato “pensato” dall’artista Cristina Bari, che ha creato questo mutante nato da un proverbio e un computer.

Perché l’asino con le ali? Nella metafora comune, chi vede gli asini volare, notoriamente, è pazzo, ma allo stesso tempo chi dovesse vedere l’asino del logo su citato e negasse di averlo visto sarebbe pazzo. Ecco, allora, uno dei tanti paradossi in cui la nostra mente si imprigiona e non riesce più ad andare avanti: ci si perde in uno dei tanti labirinti di significati in cui il nostro tipo complesso di comunicazione ci conduce. Ecco, quindi, perché occorre comprendere la malattia mentale: per aumentare la consapevolezza delle radici più profonde del nostro essere umano.

Analizzando vari livelli di comunicazione condensati nella metafora asinina e avendo una mappa di osservazioni empiriche sull’uso degli animali in terapia, mi viene in mente innanzitutto l’origine etimologica della parola asino. Essa fa riferimento all’essere  “carico”. L’asinello cioè, è abituato a prendersi carichi pesanti, e simbolicamente ciò significa che a volte conviene scaricare sulle spalle pesanti di questo o di altri animali il peso di gestire le emozioni dei pazienti. Specie quelli gravi. Nel nostro caso specifico, questi sono i pazienti su cui dobbiamo esercitare una sorta di recupero (per esempio, di una maggiore capacità della mente, del corpo e delle relazioni umane).

Si comincia, così, già a fare chiarezza sul significato – per tutti noi, non solo per i portatori di disagio psichico o psicofisico – della vicinanza con gli animali, nella storia degli “animali” umani. Voglio dire, di noi “esseri” umani, la cui evoluzione  ha subìto profonde mutazioni. Avvicinarci dunque, in questo nuovo Millennio, al mondo degli animali, significa avvicinarsi a una delle nostre radici più profonde, guardare di nuovo verso noi stessi e ri-conoscerci.

Tanto più ci allontaniamo dal mondo animale  ma in genere dal mondo della Natura, tanto più il disagio aumenta e aumenterà. Anche i nostri bambini sono deprivati: ci sono bambini che entrano in angoscia alla vista delle galline – non le hanno mai viste in vita loro – ci sono persone che hanno sviluppato la fobia delle pecore in vista di un gregge. Di colpo si scatena una paura che loro non sapevano neanche di avere.

La terapia con gli animali, dunque, è “una scoperta dell’acqua calda”, che ha proprio lo scopo di riuscire a ricucire quelli che sono gli “strappi” delle nostre emozioni, la fuoriuscita di aree dolenti  della nostra identità, che riguardano soprattutto la nostra affettività. L’uso degli animali è inevitabilmente connesso con il rientro in un ciclo naturale e l’allontanamento da questo ciclo è uno dei motivi più forti di disagio, in quanto perdita di radici profonde quali quelle filogenetiche. Non dimentichiamo che abbiamo grandi parti del nostro cervello in comune con i vertebrati!

I nostri pazienti autistici, i pazienti più difficili, schizofrenici, o, in genere, psicotici, hanno angoscia del contatto, un timore legato anche alla deprivazione sensoriale e di relazioni. Anche nei “sintomi “nevrotici, però, la sconnessione tra corpo e mente è presente, sia pure su diversi livelli.

Si pensi a quale radicale allontanamento dal mondo della natura siamo sottoposti in questi anni! A quanto sia importante recuperare il rapporto con la nostra parte animale. Le evidenze che gli animali siano terapeutici sono così forti che non si può negarle. E di quali evidenze abbiamo bisogno dopo aver letto “Cane e padrone” di Thoams Mann o dopo aver visto i film di Walt Disney? Di quali, dopo aver assistito di persona a quel curioso fenomeno per cui i padroni assomigliano ai loro animali? Questo è certamente legato a quel processo che, dal punto di vista comunicativo, si chiama egotismo: uno tende, in qualche modo, a proiettare nell’animale le qualità che ritiene di avere o che non vuole.

Se voi ricordate certi film di Walt Disney credo siano il miglior commento sull’uso degli animali e sulla terapeuticità degli animali che si possa fare. Così come, sempre rimanendo in psichiatria, vi ricordo “Marnie”.

“Marnie” è un bellissimo film minore di Hitchcock. È la storia di una cleptomane che ha avuto un grosso trauma sessuale e teme il contatto di qualsiasi tipo. Il mondo dei suoi affetti è, in pratica, costituito unicamente da un cavallo: quando questi si ferisce gravemente, però, lei lo uccide e dice: ”È fatta”. Ve ne parlo perché, nella mia analisi, il cavallo è lei, Marnie. È l’unica parte sua sopravvissuta al trauma sessuale. Lei non vuole essere toccata neanche da un uomo (Sean Connery) che qualunque donna al mondo avrebbe ben gradito! Nel finale, comunque, tutto si risolve… non rivelo il finale nel caso qualcuno di voi voglia vedere il filmato.

Anche io, comunque ho imparato a lezione del grande Hitchock: “mando” spesso a cavallo le mie pazienti adolescenti, tanto più quando sono bizzarre, hanno un rapporto con il loro corpo non buono, non hanno ricevuto educazione sessuale e hanno, in qualche modo, una patologia di freni inibitori in un senso o nell’altro: se non riescono a esplorare il mondo o se, viceversa, hanno bisogno di imparare ad arrestarsi.

Ancora, ricordo una terapia familiare di un’adolescente con un padre “tremendo”; per lei, lui era così buono. Quando mangiava, la guardava e diceva: “Mangia la mela! Perché mangi l’arancia?” e lei piangeva quando me lo raccontava, di rabbia. Era evidente che questo padre-mammo fosse intrusivo. Dopo sei, sette sedute frustranti anche per me, però, tornarono felici come una pasqua: “va molto meglio”; “va molto meglio. Ah, le abbiamo regalato un cagnolino”. Dunque, cavalli, asinelli, gatti, coniglietti, cani (e, con opportune condizioni di vita… parecchi altri) possono aiutarci, anche “accogliendo” parti di noi.

Terapie di successo con animali ce ne sono tante, tante persone “guariscono” quando decidono di adottare un animale di cui prendersi cura e da cui essere umilmente curati. Probabilmente il miglioramento delle qualità umane o il maggiore benessere è legato in genere al “prendersi cura”. Certo, gli animali sono tra i primi gradini… E chi maltratta gli animali? Non saprei trovare sintomo più chiaro di perversione, cosa di cui non si parla mai perché gran parte dei perversi sono apparentemente adattati, sono quelli che fanno impazzire gli altri, non quelli che sono in disagio…

Le interazioni fra animali e persone malate di tutti i tipi e gradi di malattia potrà mettere in evidenza una serie di pattern comunicativi e una serie di notazioni anche empiriche. E ancor di più perché la comunicazione è analogica, non verbale, non linguistica. Ricordiamo infatti che solo l’1% della comunicazione umana è verbale, il resto è extraverbale e per  questo è fondamentale il contatto con gli animali. Ritorno a un mondo molto primitivo di scambio attraverso cui effettuare una sorta di “reset” delle precedenti esperienze disfunzionali.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: